“Risparmi con acquisti di gruppo” di A. Giaccardi (20-04-10)

lI comitato «Stop al consumo del territorio» chiede la collaborazione del Comune a Savigliano

Nei giorni scorsi, il comitato «Stop al consumo del territorio» ha inviato al sindaco Sergio Soave una lettera nella quale invita il primo cittadino ad informare i saviglianesi sulla possibilità di «creare un gruppo d’acquisto solidale per il fotovoltaico».

Scrivono i firmatari: «La creazione di un “Gas” permette di ovviare alle difficoltà, a volte insormontabili per una singola famiglia, create da un mercato che propone molte soluzioni a costi sempre diversi, dalla mancanza di

chiarezza sui benefici economici, dall’impreparazione verso un linguaggio troppo tecnico e complesso».

E aggiungono: «Il Gruppo d’acquisto solidale diventa strumento per promuovere nuovi stili di vita improntati ad una decrescita dei consumi e quindi dell’impatto ambientale».

Il comitato chiede che «l’Amministrazione comunale si faccia promotrice dell’attività d’informazione necessaria, nonché contribuisca alla costituzione e allo sviluppo delle attività del gruppo d’acquisto».

Dice l’assessore alle Energie rinnovabili a Savigliano, Chiara Ravera: «Ne abbiamo parlato in Giunta e si è deciso di sostenere la creazione del gruppo d’acquisto. Ci faremo carico di informare i cittadini, magari organizzando una serata divulgativa». E aggiunge: «Il comitato ci ha anche chiesto di contribuire economicamente alla costituzione del Gas, ma per il momento non abbiamo fondi a disposizione».

Intanto, questa sera (alle ore 21), nell’antica sala consiliare di palazzo Miretti, in piazza Santarosa, si tiene un incontro organizzato da Agengranda e Optima Communication, in cui verranno spiegati alcuni metodi per risparmiare energia e utilizzare fonti alternative per la sua produzione. Precisano dall’ufficio Ambiente del Comune: «Particolare attenzione verrà posta sulle differenze fra impianti fotovoltaici e pannelli solari. Si parlerà anche di come risparmiare isolando termicamente la propria abitazione grazie agli infissi, alla coibentazione dei tetti e ai cosiddetti rivestimenti “a cappotto”. Verranno poi accennati alcuni aspetti che riguardano le agevolazioni fiscali di cui possono godere coloro che optano per una eco-casa».

Andrea Giaccardi in “La Stampa” del 20/04/10

INDIETRO

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: