Richiesta revisione regolamento per la messa a dimora degli alberi d’alto fusto (15-03-10)

Al sig. Sindaco,
con la presente il nodo di Savigliano del movimento “Stop al consumo di territorio”, movimento di opinione a difesa dei suoli rimasti agricoli e contro il consumo del suolo, intende richiamare la sua attenzione sulla necessità di approvare un nuovo regolamento comunale per la messa a dimora degli alberi ad alto fusto, in considerazione del fatto che l’attuale regolamento comunale prevedendo, per la messa a dimora degli alberi d’alto fusto, che la “distanza da terreni coltivati e classificati come tali dovrà essere di m. 20, indipendentemente che tra i due poderi esistano strade, rogge o fossi demaniali vari” è diventato un grave impedimento per la conservazione della vegetazione arborea.
L’imposizione generalizzata di un limite di 20 m non sembra tener conto nè dei ruolo agronomico svolto dagli alberi nell’intercettazione dei flusso idrico e degli elementi minerali, nè della loro importanza nel contribuire a diversificare e quindi arricchire l’ambiente. Inoltre la sua applicazione risulta in contrasto con il possibile impiego dell’alberatura per una corretta gestione del territorio, ad esempio imponendo la distanza di m. 20 per tutti i canali posti sui confini di proprietà.
L’urgenza di tale provvedimento è dettata anche dal fatto che è stato recentemente approvato dalla Regione Piemonte un nuovo bando del Piano di Sviluppo Rurale inerente l’imboschimento di terreni agricoli (Misura 221 con scadenza il 31 marzo prossimo, ma che verrà probabilmente prorogato). Anche nell’eventualità che tale bando inserisca le fasce di rispetto nella superficie ammessa al finanziamento ci sembra di dover ribadire la necessità di tale provvedimento sia per le ragioni sopra riportate, sia perché, consentendo l’impianto di un maggior numero di piante, renderebbe comunque più produttivo l’investimento per le aziende che intendono aderire al bando.
Infine, si fa presente la necessità, soprattutto nel caso in cui i termini venissero prorogati, di pubblicizzare e incentivare ,anche in collaborazione delle associazioni di categoria, le possibilità previste dal Piano, strumento, a nostro avviso, molto prezioso per correggere alcune delle distorsioni provocate da decenni di monocultura cerealicola e, arricchendo l’ambiente, per migliorare la qualità della vita di tutti.
Dichiarando la nostra disponibilità a collaborare per la stesura del regolamento in oggetto, porgiamo distinti saluti

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: