La Conferenza dei Servizi favorevole all’insediamento in via Alba

Alla fine del mese di giugno è stata pubblicata la delibera della Conferenza dei Servizi della Regione Piemonte che, nella sua riunione del 30 maggio, ha definitivamente espresso il suo parere favorevole all’insediamento in via Alba di una grande e tre medie  strutture commerciali per un totale di 12.459 metri quadri.Dal verbale della riunione risulta che il rappresentante della Regione Piemonte si è astenuto dalla votazione “in quanto, come riporta il documento,  è emerso nel corso della disamina di questa pratica e delle precedenti che il Comune attribuisce agli atti di programmazione alla scala regionale una valenza prescrittiva e non di indirizzo attribuendo in tal senso all’Ente Regione una responsabilità diretta nelle scelte delle aree e delle destinazioni d’uso da attribuire alle aree stesse”.
Una dichiarazione che afferma in modo ufficiale, in quanto resa in un atto pubblico, la stessa posizione da noi più volte difesa e che inchioda il Comune davanti alle sue precise responsabilità.
Nel dicembre scorso, in quanto associazioni saviglianesi contrarie all’apertura di nuove grandi strutture commerciali, in considerazione del fatto che l’Amministrazione comunale aveva nel dibattito sull’apertura del nuovo centro commerciale di via Torino anch’essa espresso pubblicamente la sua contrarietà, abbiamo proposto, con una lettera inviata al Sindaco e all’Assessore all’urbanistica, che, con una manifestazione di volontà e coraggio, ma anche di coerenza, venisse rivista la destinazione d’uso dell’ampia zona (235.000 mq circa)  compresa tra la nuova circonvallazione per Marene e Via Alba attualmente destinata dal Piano Regolatore a area produttiva e commerciale e la cui destinazione era stata voluta da un’Amministrazione comunale da lui guidata.
Ora rimangono ancora disponibili per strutture commerciali di quel tipo, nella sola area di via Alba, altri 87.000 metri quadrati; cosa farà il Sindaco? Continuerà a dirsi contrario all’apertura di nuovi centri commerciali, ma a lasciare le cose come stanno e, al massimo, di fronte  a nuove eventuali domande preoccuparsi dei possibili problemi creati  alla viabilità come ha fatto sinora?
Il lungo silenzio di fronte alla nostra proposta dimostra inequivocabilmente che né la coerenza, né il coraggio sono doti della nostra Amministrazione. Altrove, a Racconigi ad esempio, alcuni amministratori, hanno non solo dichiarato la loro contrarietà alle grandi strutture commerciali, ma hanno anche dato le loro dimissioni da Assessori di fronte all’approvazione di nuovi progetti.
Se il nostro Sindaco fosse altrettanto coerente con le sue dichiarazioni, poiché come precisato nella delibera della Conferenza dei Servizi gli atti di programmazione della Regione non hanno valenza prescrittiva, lavorerebbe per rivedere, come da noi richiesto, le aree destinate dal PRG alla grande distribuzione da quasi un anno. 
A noi questo non risulta e ancora una volta ne chiediamo pubblicamente le ragioni.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: