Le nostre osservazioni alla Conferenza dei servizi

In seguito al risultato emerso in occasione della prima seduta della conferenza dei servizi, tenutasi in data 9 settembre 2010 presso gli uffici della Direzione Commercio della Regione Piemonte, il movimento “Stop al consumo di territorio”, in quanto movimento di opinione per salvare i suoli rimasti agricoli e la difesa del diritto al territorio non cementificato e quindi portatore di interessi diffusi, presenta le seguenti osservazioni:

–          La realizzazione della nuova area commerciale comporta una perdita di suolo fertile di oltre 30000 metri quadri, ovvero 3 ettari di suolo agricolo che corrispondono al consumo di territorio            biologicamente produttivo di 1,4 individui, dal momento che secondo i calcoli più recenti l’impronta ecologica attuale dell’umanità è di 2,2 ettari globali pro capite

–          L’autorizzazione della nuova area commerciale comporta un incremento di oltre il 40% (43,8) dell’area attualmente occupata da esercizi commerciali con superficie superiore ai 500 metri quadri (vedi allegato 1). Inoltre, se si tiene conto che sono attualmente già autorizzati in località Sprina circa 11.000 metri quadri, con la  nuova autorizzazione l’aumento dell’area destinata ai servizi commerciale sale al 124%

–          L’area essendo destinata alla grande distribuzione commerciale finirà inevitabilmente per implicare l’ulteriore diffondersi di modelli consumistici con la tendenza, invece che a contenere, a massimizzare gli imballaggi, i trasporti, lo spreco di prodotti alimentari,  il consumo di oggetti usa-e-getta a scapito della qualità dei prodotti e dei legami con la produzione locale

–          La realizzazione del nuovo centro commerciale inoltre, con le sue inevitabili ricadute sulla rete dei negozi di vicinato, perpetua un modello che tende a impoverire il tessuto sociale del centro cittadino. Tale tendenza, che dopo le grandi città e i centri turistici più importanti, sembra riguardare ormai anche le città di dimensioni minori, finisce per imporre ai residenti l’uso dei “non luoghi” della periferia, i grandi centri commerciali per la spesa, per il parrucchiere, ecc…, le multi sale per i divertimenti, i locali serali, dove hanno luogo tutte le attività che prima li portavano in centro facendone il luogo naturale delle relazioni sociali.

Occorre anche evidenziare che tra le ricadute dell’apertura del nuovo centro commerciale, oltre alle ottimistiche previsioni dei progettisti sulla chiusura degli esercizi commerciali esistenti e sul numero di addetti  che si perderanno, vi è sicuramente un peggioramento della qualità del lavoro legato alle mansioni e alle forme contrattuali con cui verranno assunti  la maggioranza dei 114 nuovi addetti previsti.

–          Infine, la nuova struttura provocherà l’aumento della concentrazione di traffico in una zona già altamente trafficata ed ad alta densità abitativa con conseguenti ricadute sulla viabilità e sull’ambiente in termini di inquinamento e perdita di altro suolo agricolo

Per le suddette osservazioni si ritiene che l’autorizzazione amministrativa alla costruzione della nuova struttura non debba essere concessa.

Qualora venga comunque concessa  l’autorizzazione amministrativa si richiede di:

–          compensare la perdita di suolo agricolo prevedendo che:

sia garantita la permeabilità delle zone a parcheggio;

le acque meteoriche provenienti dalle zone coperte siano recuperate per irrigazione delle aree verdi e per eventuali usi interni funzionali alle attività e le rimanenti convogliate in fossi drenanti in loco, in modo da tornare alla prima falda senza essere convogliate in fossi, canali o nella rete fognaria;

vengano realizzate aree verdi alberate e inerbite con essenze locali, anche al servizio dell’area residenziale, pareti verdi, impianti fotovoltaici e termici al fine di compensare il mancato assorbimento di anidride carbonica dovuto alla cementificazione.

–          attenuare l’impatto paesaggistico attraverso:

la realizzazione di un’idonea schermatura lungo tutto il perimetro inserendo siepi ed alberate, con particolare riguardo alla zona a Est in modo da integrare la zona residua di campagna con le zone urbanizzate, anche in considerazione della presenza di un elemento di archeologia industriale costituito da un caseificio risalente all’inizio del ‘900, il primo e il più importante caseificio industriale della città (vedi allegato 2);

la limitazione dell’altezza delle strutture ai soli volumi essenziali allo svolgimento delle attività previste per attenuare  l’impatto visivo e realizzare un risparmio energetico.

–          massimizzare il risparmio energetico:

prevedendo un orientamento degli edifici tale da consentire la massima resa degli impianti fotovoltaici da collocarsi sulla copertura;

contenendo, attraverso l’impiego di tecnologie avanzate ed un corretto uso, il consumo di energia elettrica per l’illuminazione pubblica e privata (lampade ad alto rendimento, dotate di schermatura verso l’alto e riduzione dei tempi e della intensità luminosa).

Rimaniamo a disposizione per eventuali integrazioni o chiarimenti.

Distinti saluti.

Savigliano,  7 ottobre 2010

Allegato 1

 

DENOMINAZIONE INDIRIZZO CATEGORIA SUPERFICIE PARCHEGGIpresunti
LD LOMBARDINI DISCOUNT VIA MELLONERA 22 discount 500 200
PENNY MARKET VIA SALUZZO discount 800 400
IN’S VIA TORINO  discount 600 300
BERNARDI GROUP SPA VIA GALIMBERTI 10 grande magazzino 600 200
SELF VIA MELLONERA  grande magazzino 2500 800
LECLERC VIA SALUZZO 65 ipermercato 2900 1500
U2 VIA TORINO 223 ipermercato 2500 1000
MAXISCONTO SRL VIA MONTE BIANCO 2 supermercato 900 400
MAXISCONTO SRL CORSO VITTORIO VENETO 29 supermercato 800  
NOVACOOP VIA GALIMBERTI 10 supermercato 1600 800
      13700 5600
NUOVO INSEDIAMENTO VIA TORINO centro commerciale 6000 2000
      19700 7600

Dati Associazione Commercianti – Savigliano

 

 Allegato 2

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 L’area dove dovrebbe sorgere il nuovo centro commerciale con il l’ex caseificio sullo sfondO

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: